Italian

Poems > Languages > Italian

HAI FATTO ADDORMENTARE I TEMPI SOTTO LA LUNA

Solo le unghie sono rimaste unghie

L’indomani ci porta qualcosa di nuovo

Insieme alla vecchia di ieri ci siamo sanguinatti.

Il cavallo sotto la pioggia

Quante gocciole ti hanno battuto quel giorno

Quando venevano anche altri clienti

Venditori di uva e zucche

Per cambiare i destini.

Egli alzò lo sguardo verso al cielo

Il sole non pensa tramontare

Ne anche oggi

La pioggia si fermerà un giorno

Un giorno sì, un giorno.

Si dice che la pioggia non scioglie il cavallo

Il cavallo che giace sotto la pioggia e si asciuga nella

brezza

Innumerevoli cavalli

Senza briglia

Senza Dio

Il cavallo coperto di vapori sotto la pioggia

 

TI SEI ADDORMENTATA SOTTO LA LUNA

Non hai pietà di me?

Non e che per caso il sole ti ha ferito gli occhi?

Ti sei addormentata sotto l’ombra della luna

E non volendo ti ho nascosto nel canto..

Perché piangi?

Non hai pieta che gli occhi

Verràno nel tuo canto

E così facile dimenticare la via di ritorno?

Da lamento malizioso,

Nel sogno buio,

Ti prego non piangere

Non hai pietà di me, bambina?

 

LE DOMENICHE NON MI CHIAMANO

Le domeniche non mi chiamano

Potrebbe non svegliarmi

Rimanendo per sempre nel sonno della morte,

Non dimenticare momenti congelati

Scegli il tuo giorno è Domenica.

Per te, quando morirò

Dopo sette montagne, cercherò il tuo nome…

Ah! Come mai non vieni negli altri giorni?

TEUTA

Stasera ti chiamo Teuta

Andiamo nella osteria il Veleno

Che la tua lingua tira fuori

I tuoi occhi – profezie di ghiaccio

Nel ramo spezzato

Del destino silenzioso

Teuta

A te gli dèi fanno rituali.

 

MI RICORDO IL TUO VISO

Mi ricordo il tuo viso

Il sangue – lacrima ghiacciata

Coprendomi.

Mi ricordo la tua lingua

Serpente – veleno nero

Avvolge il mio destino.

Quando tu dormi

Mi sveglio

Con il tuo ricordo.

 

NOTTE BUONA PIOVOSA

Notte buona piovosa

il silenzio della cita uccide

le stagioni ritardate

il viaggiatore ritardato

nella città bagnata.

Notte lieve piovosa

il viaggiatore ritardato

nella città bagnata

stasera mette corona

funebre

Note lieve con pioggia

non distruggere le mie orme

nella città con odore di sangue

 

L’ACQUA

O, che sparisca tutto

Nessuna russare

Per ora di morte

Non si troverà.

Nessuna goccia

Per spruzzare

Il fuoco d’inferno

Chi l’ha

Spegnerà.

QUANDO MORIRÒ

Quando morirò

Non piangere amore

Ti ho tradito

Con le vergine di un altra pianeta.

Quando morirò non piangere sorella

Io galoppo sul cavallo di Gjergj*

Oltre onde del mare …

Quando morirò non piangere mamma

Solamente allatta

Queste

Metafore

Melanconiche

Come me una volta …

* Gjergj Elez Alia, popolare personaggio

 

LA LUNA

Almeno il tuo lavoro

Se avessi saputo

Dopo una comunicazione selenare

Ogni notte

La luna

Serena o sconvolta

 

SONGS TERRIBILE

Oime Signore le cattiverie

Si alzano e vengono

Li aspettiamo sull’petto

Umili ci pieghiamo la nuca

Oh signore ma li

Vengono prima dell’alba

La catena di proiettili

E la cintura con coltelli

Ohime Signore

E si arrabbia senza paura

Oltre collo prudente

Sopra il petto calmo .

Ohime signore

E si alzano e vengono

Prottegimi dio…

Ecco, vengono…

(Prishtina, 1999)

He was born on 2nd February 1970 in Lipjan near Prishtina, the capital city of the Republic of Kosova. He completed his primary and secondary education in his birthplace, in Lipjan… Read More

© 2024 LULZIM TAFA